Salve ospite, se leggi questo messaggio vuol dire che non sei registrato, cosa aspetti ? Premi qui per registrarti La registrazione è completamente gratuita e ti permetterà di usufruire di tutte le funzionalità del nostro forum. Buona navigazione.


Vendo, Compro, Scambio NosTale! Riapre il Black Market, concludi i tuoi scambi NosTale gratuitamente! Più info  -   Accedi alla sezione
Download file Server : File Retro Server NosTale
Visita la nuova sezione di BorderGame dedicata a Blade & Soul! Sezione Blade and Soul

 
Valutazione discussione:
  • 4 voti - 2.25 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Indiana Peppe
18-09-2011 07:00 PM
Messaggio: #1
Indiana Peppe
¬Bulle†
*
Rynn
Subber
Utente Saggio
Utente Storico

hallucin0gen

Messaggi : 744

Registrato dal : Jun 2011

Reputazione : 151

Stato : Offline


Premi :



mi sono inventato 'sta storia che mi è venuta in mente a scuola durante l'ora di pomiciaggio XD
Indiana Peppe i quaderno di latino perduto:

Un giorno Indiana Peppe si svegliò nella sua cameretta: corse in cucina e bevve avidamente una tazza di latte con ventitre gallette inzuppate e poi corse in camera a vestirsi, si lavò cantando a squarciagola "O SOLE MIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO STA' IN FRONTE A TEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE.." e poi essendo in ritardo di 56 nanosecondi cominciò a preparare lo zaino.
In quel momento successe il disastro: ci mise geometria, storia, grammatica, scienze e geografia...ma mancava...ma mancava...LATINO!!! Il quaderno di latino non c'era più cominciò a togliere tutti i vestiti nei cassetti, svuotò praticamente l'intera camera...c'erano solo due posti dove non aveva guardato: i meandri del letto (sede dello spaventoso mostro di polvere) e sugli scaffali al di sopra della scrivania (base dei suoi soldatini, perennemente in lotta con i rispettivi soldati romani di piombo). Non azzardava però avventurarsi nè sotto il letto (territorio proibito, tanto che neanche la madre e il padre ci avevano mai messo piede) né guardare sugli scaffali (dove neanche il cane Peppe ci andava dopo l'ultimo bombardamento gattesco subito). Decise di andare a scuola senza, anche se la prof. di italiano gli aveva detto che se si scordava ancora una volta un libro qualunque della sua materia gli avrebbe dato una ripassata e Peppe aveva il terrore di essere ripassato nella padella gigante in cortile...
"Peppe fammi vedere i compiti di grammatica e latino" "Si professoressa..." e gli consegnò libro e quaderno di grammatica "Ok, c'è qualche errore ma può andare, adesso latino su!" Gli porse il libro come se nulla fosse, peccato che gli esercizi erano due sul libro e uno sul quaderno "Ne manca uno...dov'è il quaderno con l'esercizio 6?" "Ehm...non l'ho ritrovato a casa...penso di essermelo perso...scusi prof.!" "COOOOSAAAA? Ti sei salvato soltanto perché il padellone gigante è in manutenzione!!!! Meglio per te che lo ritroverai entro domani! Oppure.......lo sai! Ti aspetta una ripassata in padella accompagnto da quella rompiscatole della lucertola findus!" "Ok professoressa! Oggi pomeriggio lo cercherò!"
Prima di tornare a casa Peppe passò in un negozio di armi ed uno subacqueo: comprò una tuta subacquea compresa di bombola d'ossigeno e un jetpack per avventurarsi sotto il letto, due mitra e un bazooka per i soldatini sugli scaffali e già che c'era prese anche qualche caramella al mentolo...
"Mamma sono a casa! Nessuno deve entrare in camera mia per le prossime 10 ore! Intesi?" "Sì, sì, tanto in camera tua io e tuo padre neanche ci riusciamo a infilare il piede che subito il mostro calzini puzzolenti ce lo azzanna! Non preoccuparti!" "Grazie mamma!"
Poi Peppe entrò in camera, diede una carezza al mostro dei calzini e si infilò la tuta subacquea provvista di jetpack "E' il momento! Per la prima volta nella mia vita entrerò nei meandri del mio letto!" e partì: si sdraiò per terra e venne subito sommerso dai cuscini e dai vestiti, si fece avanti a carponi fino all'entrata del letto, essa era costernata da una possente entrata di fogli di carta (alcuni anche del 1897, quando i proprietari della casa non erano ancora i genitori di Peppe) con scritto: CHI ENTRA MUORE A MENO CHE NON SIA POLVERE O LA LUCERTOLA FINDUS. Rabbrividendo però entrò lo stesso e subito fu attanagliato da una puzza orrenda "Wow! I miei calzini di quando avevo 1 mese! La lampadina fulminata di quando papà aveva 1 anno! I bossoli della seconda guerra mondiale del nonno! E c'è anche lo scheletro del nonno!" e sì, c'era proprio tutto! "Non ci credooo! Il cimitero dei soldatini! Guarda quante croci! Saranno almeno 1.000! Il corpo dell'uccellino che avevo a 2 anni! Quello della tartaruga che avevo a 5! C'è perfino quello dei due pesci rossi che avevo comprato due giorni fa!" che fine orrenda avevano fatto quei due pesci...mutilati sotto tortura dal cattivissimo generale-soldatino! Lui credeva che loro sapevano qualcosa delle strategie nemiche! Ma non hanno aperto bocca! O almeno, l'hanno aperta ma senza pronunciare parola.."Ok, adesso basta è ora di cercare il quaderno..."proprio in quel momento un venticello puzzolente e polveroso cominciò a tirare e una palla di polvere gigante sovrastò Peppe minacciandolo "Oh no!" "Cosa cerchi piccolo infimo verme feccioso umano?" "Il mio quaderno di latino..c'è per caso qui sotto? Se c'è lo prendo e me ne vado grande palla di polvere" "Qui c'è solo il tuo quaderno di matematica della 1°elementare...conosco a memoria il mio territorio. Ora sparisci e se incontri la lucertola findus portali i miei ossequi!" "Ok, grazie di tutto palla di polvere!" poi accese il jetpack e risbucò fuori dall'altro lato del letto.
"Adesso è ora di andare sullo scaffale...arriva la parte più difficile!" poi cacciò il cannocchiale e guardò attentamente le vedette soldatinesche. "Due torrette a destra tre a sinistra e un cancello completamente blindato protetto da due carri armati...sarà difficile entrare!"
Si cacciò un sigaro in bocca, si riempì il gilè di bombe a mano e impugnò i suoi due mitra con attaccato alla schiena con un laccio il bazooka; dopodiché si incamminò verso lo scaffale. "Sono arrivato! " disse 2 secondi dopo..."Buongiorno soldatini io volevo..." ma loro già li puntarono le pistole addosso "E va bene! Se è la guerra che volete la avrete!" e cominciò a sparare bombe e cinque ricariche di mitra al secondo. Venti secondi dopo l'intero scaffale era distrutto dai due colpi di bazooka superflui che aveva sparato...ma del quaderno di latino nessuna traccia! "Sono finito! Domani la prof. mi arrostirà insieme alla lucertola findus! Bhe almeno potrò salutarla da parte della palla di polvere."
L'indomani Peppe venne arrostito sul padellone e, come se non bastasse, la lucertola findus lo picchiava durante la cottura perché era colpa sua se si trovava in quella situazione (infatti mesi prima Peppe aveva mangiato tutte le pizze primavera della mensa incolpando la lucertola).
E così tragicamente finì la storia del nostro Indiana Peppe: un'anima coraggiosa servito come antipasto all'alberghiero di Milano!

spero vi sia piaciuta perché ha fatto ridere molti miei amici Big Grin
Naturalmente la fonte è mia Angry
E naturalmente 2 sono ben accetti Tongueiù:1 sbausbau
"Tu non potresti essere Kira.Tu SEI Kira"
İmage
Torna al primo messaggio
Email WWW Cerca Rispondi

PubblicitàLa tua pubblicità qui, clicca per informazioni e per le offerte!

Stanno visualizzando la discussione : 1 Ospite(i)

  • Versione stampabile
  • Invia ad un amico
  • Sottoscrivi questa discussione